martedì 4 giugno 2013

Seitan fatto in casa

Difficoltà:


Ingredienti:
-un chilo di farina di manitoba
-acqua
-dado vegetale (in alternativa utilizzate le verdure da brodo, carote, cipolla e sedano)
-alga kombu (se non la trovate potete fare benissimo senza)
-salsa di soia
-sale
-erbe aromatiche a piacimento
-un panno di cotone bianco e corda per chiuderlo
-olio di gomito ahha


Procedimento:
Preparati tutti gli ingredienti…via con l’impasto!

Unite il chilo di farina con 600ml di acqua, ho versato la farina e fatto un buchetto al centro per contenere l’acqua che ho versato poco a poco mischiandola alla farina. Se la versate tutta insieme prevedo allagamenti, meglio andare con calma! O, se l'avete, utilizzate una bacinella capiente
Il risultato è molliccio, non spaventatevi non deve essere solidissimo, è naturale che sia molliccio

Prendere il seitan ‘immaturo’ e mettetelo in un recipiente e copritelo di acqua e lasciate riposare per 45minuti.

E qua inizia la fase più laboriosa, il lavaggio! Con l’aiuto di uno scolapasta maneggiate il composto sotto un filo di acqua, vedrete del bianco andare  via, è l’amido

Lavate lavate e lavate e il risultato dovrebbe essere più o meno un blob molliccio, una terminata il lavaggio do una veloco reimpastata.
Stendete il panno di cotone bianco (bianco per evitare che stinga) e date una forma al seitan. Formate una caramella, non stringetela troppo perché il seitan in cottura crescerà. Ormai ho il mio panno di fiducia che utilizzo solo per il seitan
Il brodo di cottura fatelo con il dado vegetale (o  in alternativa bollite le verdure da brodo, carote, cipolla e sedano), una stecca di alga kombu, salsa di soia (se la utilizzate non salata allora aggiungete un paio di pizzichi di sale), erbe a piacere e due litri di acqua.  Fate cuocere il brodo 5 minuti e immergete il seitan, fate cuocere per 40-50minuti.
Tirate fuori la caramella di seitan, aprite il panno e fate raffreddare
Ed eccolo pronto!! Le pieghe sono date dal fatto che dritto non ci stava in pentola e i quadretti sono dati dal panno che ho utilizzato. Si può conservare in frigo per qualche giorno immerso nel suo brodo di cottura (c’è chi usa anche solo acqua e salsa di soia ma direi che di acqua ne abbiamo utilizzata abbastanza, ricicliamo il brodo!). 
Ho letto che qualcuno aggiunge anche zenzero o ginger ma non mi sono azzardata perchè non li amo molto. Per conservarlo in frizeer avvolgetelo nella stagnola (per comodità l'ho tagliato a fette così è già porzionato) e mettetelo dentro un contenitore
Buon appetito!! Se il tutorial vi è piaciuto lasciate un commentino :)

18 commenti:

  1. Grazie per la ricetta, proverò!

    RispondiElimina
  2. Un giorno proverò a farlo, è forse un po' laborioso, ma tu fai sembrare tutto facile, grazie!

    RispondiElimina
  3. Fantastica!
    Grazie per la semplicita'..

    RispondiElimina
  4. brava! grazie,lo provo senzaltro. ciao.
    elena

    RispondiElimina
  5. quanta salsa di soia ci vuole nel brodo? grazie
    Raffaella

    RispondiElimina
  6. credevo ci volesse più tempo.. ci proverò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. più rimane in ammollo e meno ci vorrà a lavarlo ma se non si ha molto tempo 45 minuti bastano

      Elimina
  7. bello e semplice, da provare assolutamente
    grazie laura

    RispondiElimina
  8. fantastico! da provare assolutamente!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' mille volte meglio di quello comprato! E costa molto meno

      Elimina
  9. Grazie, sembra più semplice di quanto pensassi, magari questa é la volta buona che ci provo! Domanda: l'alga é indispensabile??? Qui faccio un pò fatica a trovarle... Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no assolutamente, penso che serva solo per migliorarne la digeribilità ma non cambia il gusto

      Elimina