venerdì 27 dicembre 2013

Intervista con il bassotto



Buondì, nel lontano autunno del 1997 nella mia vita è entrato un cucciolo kilometrico di nome Pepe, un meraviglioso bassotto, dire che è un membro della famiglia mi sembra riduttivo, è la parte pelosa del mio cuore. Ricordo benissimo la prima notte, volevamo abituarlo a dormire in sala, ma lui piangeva e ci siamo detti  -per una notte lo teniamo in camera, in fondo è appena arrivato-. Bene sono più di 16 anni che da quel letto non si è mosso, siamo cresciuti insieme, per strada incontro sempre più bassotti e l’amore per questo tipo di cane cresce sempre di più. Eccolo dopo le feste di natale..molto provato diciamo
Vorrei farvi conoscere una meravigliosa associazione che si occupa di recuperare, curare e far adottare i bassotti (e simili), la Bassotti… e Poi Più e il suo Rescue.  


Io: Ciao, per prima cosa grazie per avermi concesso un po’ del vostro tempo, com’è nata BPP?

BPP: In principio era un gruppo di bassottisti su facebook, poi siamo riusciti a costituirci associazione, un soggetto giuridico per poter avere un peso diverso e aiutare bassotti in difficoltà, che fossero queste di carattere logistico oppure sanitario. Abbiamo poi scelto di allargare le nostre attenzioni anche ai similbassi, pure per dare una mano ad altre associazioni, le cosiddette Zampe Amiche. La nostra attività, che si svolge prevalentemente su Fb e con il supporto del nostro sito, copre così tutto il territorio nazionale.

IO: Il bassotto che tipo che temperamento ha? Guardando le foto degli altri mi sembra di rivedere Pepe, una fantasia nelle posizioni per dormire unica

BPP:Di norma è un cane allegro, molto affezionato ai suoi bipedi, estremamente testardo. La razza nasce per la caccia in tana, indole che molto raramente perde, ma solo pochi di loro non apprezzano divano e coperte… dove fare sfoggio delle posizioni cui accennavi, a volte sorprendenti, grazie alla loro struttura snodata.

IO:Quali caratteristiche dovrebbe avere l’adottante perfetto?

BPP:Una persona che abbia tempo per stare con il bassotto, per accompagnarlo in belle passeggiate, dove lasciarlo sfogare nello scavo. Non è un cane adatto a stare ore e ore da solo a casa, potrebbe trovare presto un’occupazione tendente a …disfarla!

IO:E invece tenere un bassotto in stallo cosa significa?

BPP:Offrire una permanenza temporanea a casa propria a un bassotto in difficoltà, in attesa che il team delle fatemadrine riesca a individuare l’adozione più adatta alle sue esigenze. Il soggetto entra a far parte della famiglia il tempo necessario a trovare quella definitiva, evitandogli così di dover aspettare nel box di un canile: per questo noi le chiamiamo Oasi. Tra i compiti della stallista anche quello di portarlo dal veterinario, se necessario; i costi sono a carico dell’Associazione.

IO: Chi non può permettersi un’adozione come può aiutarvi?

BPP: C’è la possibilità di fare un’adozione a distanza, contribuendo a sostenere le spese di quei bassotti che ancora non abbiano trovato casa. Poi naturalmente ci si può associare oppure si possono fare donazioni per  lo shop solidale, scegliendo i nostri gadget bassottosi. Infine anche le condivisioni hanno una grossa valenza per aiutarci a trovare nuovi adottanti.

IO: Una cosa importante da far capire è che adottare non significare avere un cane gratis, ma poter dare una seconda vita a chi ha sofferto, si assiste a delle vere e proprie rinascite, vi va di raccontare una storia a lieto fine?   
BPP: Ogni adozione riuscita è per noi una storia a lieto fine: quest’anno le abbiamo raccolte nel calendario 2014. Che sia stato trovato sul territorio oppure che arrivi da chi non può più occuparsi di lui per tristi svolte della vita, il bassotto che entra nel nostro rescue viene seguito da una squadra di bassottisti, viene intestato all’associazione, fa un giro dal veterinario e se necessario dal toelettatore. Uno dei principali aspetti che “cambia” è lo sguardo, che da smarrito diventa fiducioso. L’ultimo in ordine di apparizione è stato Rotondo, chiamato così perché individuato al centro di una grande rotatoria, scelta da lui come residenza…

IO: Una famiglia che già ospita un bassotto può proporsi per adottare un compagno (ovviamente non a scopo riproduttivo)? È possibile creare una coppia con due bassotti adulti? Consigli particolari?

BPP: Certo! I bassotti adorano la compagnia! In principio potrebbero esserci delle rimostranze verso il nuovo arrivato, ma seguendo alcuni piccoli trucchi in breve si arriva a vedere i due dormire uno sull’altro. Di solito è meglio evitare di scegliere due maschi, mentre con le femmine va meglio; la coppia poi è quasi sempre la scelta migliore. Non è difficile passare da uno a due, ancora più semplice da due a tre. Vederli correre e giocare insieme scalda il cuore e rallegra la giornata!

IO: Se qualcuno volesse contattarvi per proporsi come adottante-stallante come può farlo?

BPP: Tutti ci possono contattare scrivendoci, la nostra mail è bassottirescue@gmail.com mentre su fb abbiamo due pagine, quella dell’Associazione https://www.facebook.com/pages/Associazione-Bassotti-e-poi-pi%C3%B9/142103085916485?fref=ts e quella del Rescue https://www.facebook.com/BassottiRescueBpp; il sito invece è http://www.bassottiepoipiu.org/

IO: Grazie di cuore per tutto quello che fate, immagino che sia dura recuperare dei cani da situazioni orribili e in stati pessimi e ricordiamo che anche una condivisione su facebook può fare la differenza. Grazie ancora a nome mio e del mio bassottone Pepe

BPP: Grazie a te per averci offerto la possibilità di far conoscere l’attività di volontariato che svolgiamo nell’interesse di bassi e similbassi… e fai un grattino a Pepe da parte nostra!


Vi lascio anche il collegamento per la sezione del sito con i prodotti che è possibile acquistare, tra cui il calendario 2014! Clicca qui
Buona giornata a tutti!

4 commenti:

  1. Ciao bella..inanzitutto Buon Natale!!...ma quanto è carino il tuo cucciolotto!!!!!!!*_*...e poi adoro questo tipo di associazioni in aiuto degli animali!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon natale anche a te! Pepe diciamo che non soffre molto lo stress ahha

      Elimina
  2. Molto interessante!Luca

    RispondiElimina